Per la prima volta un Concorso in digitale da remoto

Per individuare il Dirigente “Sistemi Informativi”, per la prima volta il Comune di Livorno ha svolto un concorso interamente in digitale da remoto

Si sono svolte la scorsa settimana, organizzate dal Comune di Livorno per la prima volta in modalità digitale da remoto, le due prove scritte del concorso pubblico per il reperimento del “Dirigente Sistemi Informativi”.

La procedura “da remoto”, attuata dalla società incaricata per lo svolgimento delle prove d’esame, è avvenuta nel totale rispetto di quanto previsto dal D.P.R. 487/94, assicurando l’identificazione dei candidati prima di ciascuna prova ed un rigido servizio di “proctoring”, che è consistito sia nel controllo a video sia nel monitoraggio della strumentazione informatica di ogni singolo partecipante.

A ciascun candidato è stato richiesto di posizionare il proprio dispositivo mobile con videocamera e microfono attivi per tutta la durata della prova alle spalle della postazione seduta in modo tale che per tutto il tempo di svolgimento della prova potesse esservi un controllo costante. Nella settimana precedente la prova, inoltre, è stata data la possibilità a ciascun candidato di poter effettuare una sessione di “training” video di preparazione alla modalità di svolgimento della prova da remoto.

Al temine di ciascuna delle due prove la Ditta incaricata ha immediatamente inviato alla competente commissione gli elaborati in formato pdf. immodificabile, digitale ed anonimo, con ciò scongiurando la possibilità di apposizione di qualsiasi segno di riconoscimento volto a garantire il completo anonimato delle prove.

Presso gli uffici del Comune è stata allestita una “sala di regia”, da cui la commissione esaminatrice ha potuto seguire da remoto tutte le operazioni ivi compresa l’estrazione delle prove.

“Si è trattato – ha commentato il sindaco di Livorno Luca Salvetti- di un’importante e significativa tappa nel percorso di digitalizzazione e snellimento che l’Amministrazione sta perseguendo anche per le procedure concorsuali. Naturalmente l’applicazione di tale modalità innovativa proprio per il reperimento della figura dirigenziale che sarà poi assunta a dirigere tutti i sistemi informatici del Comune di Livorno, ci è parsa come una di quelle “ghiotte” e fortuite coincidenze, forse non casuali, che non potevamo non cogliere al volo.

La volontà dell’Amministrazione, e già in questo senso ci siamo attenuti, era quello di attendere la conversione in legge del decreto legge n. 44/2021, avvenuta lo scorso 25 maggio ma ancora non pubblicata in gazzetta Ufficiale, per cogliere tutti gli spazi che la nuova normativa sui concorsi pubblici consentirà per accelerare lo svolgimento delle procedure concorsuali.

Questo consentirà in tempi indiscutibilmente più brevi rispetto al passato di immettere nuove energie nella macchina comunale.

Stimiamo, anche se la chiusura del lavoro istruttorio non è ancora completa, di poter essere in grado entro il mese di luglio di bandire concorsi pubblici che complessivamente, su categorie e profili diversi, prevedono l’assunzione di circa 70 dipendenti. L’impegno, e in questo senso saranno strutturati i bandi, è quello di far si che queste procedure semplificate non alterino il principio inderogabile e cioè che i                                                    vincitori siano i migliori per merito e competenze”.