Il Bronx nelle case popolari

di Roberto Olivato

L’atavico problema abitativo a Livorno è ancora il principale, anche se non viene mai affrontato in maniera radicale e risolutiva. Edifici occupati e case popolari assegnate col contagocce, molte delle quali esistono nel degrado più totale. La protesta di alcuni abitanti di via Garibaldi ne è la testimonianza come è successo questa mattina al civico 419. Che cosa stia succedendo in questo palazzo abitato da sessanta famiglie sono stati gli stessi abitanti a raccontarlo , dopo l’ennesimo tentivo di occupazione di un appartamento da parte di extracomunitari, che una volta entrati negli appartamenti gettano dalle finestre i mobili presenti nelle abitazioni. A tutt’oggi sono circa una decina gli appartamenti occupati nell’indifferenza più totale. “Non ce la facciamo più – racconta la signora Spigliati Ornella- abbiamo paura anche quando siamo in casa, perché ad una persona anziana hanno tentato di aprire la porta mentre era in casa. Personalmente, al rientro da una visita di controllo mi sono trovata la serratura spaccata ed ho dovuto rifare la serratura spendendo ben 150 Euro ed essendo disoccupata, per me è stata un’enorme spesa. Non viviamo più in santa pace perché alla sera vediamo un via vai di auto che scaricano di tutto e qui si spaccia anche droga”. Lo sfogo di Ornella è condiviso dagli altri abitanti che si dicono insicuri e di aver paura anche di andare a fare la spesa perchè al rientro potrebbero trovare la casa occupata. Avete provato a denunciare questi fatti?“ Assolutamente si – dice Ornella, diventata la portavoce del caseggiato – nessuno ci ha mai risposto e la situazione è andata sempre più peggiorando e così ci ritroviamo con auto abbandonate, scheletri di motorini e questi rifiuti nel bel mezzo del cortile, nell’assoluta indifferenza sia dell’amministrazione comunale che di Casalp. Siamo esasperati ed impauriti”. A raccogliere le lamentele era presente Andrea Romiti capo gruppo di Fratelli d’Italia in Comune, che si è detto allibito dalla pesante situazione che esiste ormai da diversi anni. Romiti come è possibile che nessuno sia mai intervenuto per risolvere questa situazione d’illegalità?Purtroppo quello che vediamo valica i confini dell’immaginazione, perché l’abusivismo presente in queste case è fuori controllo, del resto con un sindaco che è stato eletto con i voti dell’estrema sinistra che avalla queste situazioni, non c’è d’aspettarsi molto. Non è pensabile– ha proseguito Romiti- che si lascino abbandonate famiglie che abitano regolarmente gli appartamenti, pagando affitto e tasse, alla mercé d’individui prepotenti di cui non si conosce nemmeno l’identità. E’ ora che cessi immediatamente questa situazione riportando la legalità per il quieto vivere dei cittadini onesti”. L’impegno di Romiti è quello di portare il problema in consiglio Comunale visto che una lettera inviata al sindaco e firmata dagli inquilini del 419 di via Garibaldi, non ha mai ricevuto alcuna risposta portano, ove ce ne fosse stato bisogno, ad esasperare ulteriormente gli animi delle famiglie che vivono nella paura giorno e notte.