Per Livorno sarà un’estate più lunga del mondo

Cinquanta appuntamenti di Spettacoli e Mostre dalla primavera all’inverno in “Livorno, l’estate più lunga del mondo”

“Livorno, l’estate più lunga del mondo” è il titolo del cartellone di eventi spettacolari, culturali, turistici e sportivi della città fino a dicembre 2022 presentata ieri mattina nella bella cornice del teatro La Goldonetta. Una cinquantina in tutto gli appuntamenti, a cui probabilmente se ne aggiungeranno altri, e otto mostre. Un programma d’eccezione che attraversa le quattro stagioni dell’anno: si inizia a primavera, in estate si entra nel vivo, si prosegue in autunno e si termina in inverno.

A presentare la lunga kermesse il sindaco Luca Salvetti, l’assessore alla Cultura Simone Lenzi e l’assessore al Turismo e Commercio Rocco Garufo.

“Un titolo che è tutto un programma – ha affermato il Sindaco – quello della stagione che stiamo presentando e lo facciamo con molto anticipo perchè da questo momento l’Amministrazione Comunale può coinvolgere tutti i soggetti che saranno beneficiari di questa estate più lunga del mondo.

Per esempio il settore del commercio e del turismo, in particolar modo gli albergatori, da oggi avranno la possibilità di promuovere attraverso i loro siti il progetto complessivo dell’estate livornese. A questa presentazione però mancano ancora alcuni eventi che si aggiungeranno in seguito, fino ad arrivare a giugno con tutti gli aggiornamenti, pronti per la guida completa, già diffusa lo scorso anno, che giorno per giorno ci dice cosa Livorno propone nei pomeriggi e nelle serate. Inoltre nel giro di una decina di giorni presenteremo questo programma anche in Regione Toscana con una conferenza stampa”.

Il sindaco Salvetti ha proseguito ringraziando tutti coloro, persone ed enti (come ad esempio le fondazioni) e il personale degli uffici comunali, che hanno contribuito alla stesura della rassegna. Ha anche spiegato che lo scorso anno si è riusciti ad organizzare in tempi ristretti (causa pandemia) un programma di eventi tra i più considerevoli in Italia, dopo Rimini e Milano. “Questa estate – ha aggiunto il Sindaco – non essendoci più le restrizioni sanitarie dello scorso anno, abbiamo come obiettivo di fare meglio, diluendo gli eventi da aprile a dicembre, evitando così inutili sovrapposizioni”.

L’assessore al Commercio Rocco Garufo ha confermato quanto detto dal Sindaco aggiungendo che “la base su cui costruiamo i nostri eventi è la forza del nostro clima, infatti a Livorno si ha l’impressione di vivere in una primavera dilatata e questo è un tesoro agli occhi dei turisti che vengono dal nord Italia e dal nord Europa.

Per quanto riguarda il turismo quest’anno ci siamo concentrati su un novero più ristretto di eventi però cercando di qualificarli sotto il profilo della promozione e dell’attrazione turistica. Abbiamo riconfermato gli eventi che hanno avuto una grande forza promozionale in questi anni, come Effetto Venezia e Cacciucco Pride, che sono diventati parte di una tradizione consolidata.

Abbiamo mantenuto Straborgo, che lo scorso anno come manifestazione lancio ha avuto un ottimo risultato e poi due novità dal punto di vista sportivo: il rilancio della settimana velica che quest’anno si doterà di nuovo del villaggio della vela con un’offerta ben strutturata e gli Street Games, una manifestazione composta da cinque sport dilettantistici, inclusa in un circuito nazionale e a Livorno si giocheranno le finali. Facciamo tutto questo con l’intento di mobilitare investimenti che fanno bene all’economia della nostra città”. L’assessore Garufo ha concluso segnalando un dicembre di festività in grande stile.

L’assessore alla Cultura Simone Lenzi ha preannunciato un evento di particolare significato che non è citato nella lista presentata questa mattina perchè ancora in fase di elaborazione. Si tratta di “Geometrie esistenziali, un festival che faremo nei quartieri nord – ha specificato l’Assessore – molto importante e qualificante perchè dà quella linea di indirizzo che ci siamo dati come Amministrazione. Ovvero che tutta la città deve essere vista come luogo in cui si può abitare degnamente, non solo dormire e poi andare altrove. Questo piccolo festival, a cui è stato dato il titolo di una canzone di Franco Battiato, parte quest’anno ed è una prova.
Il programma generale di “livorno l’estate più lunga del mondo” è molto vasto, frutto del lavoro del Comune e degli uffici, ma anche di tutti quei soggetti che partecipano e compartecipano e sono anche i promotori delle iniziative, che hanno trovato in questa Amministrazione un partner che ascolta e che è a loro disposizione.

Estate e non solo, straordinariamente ricca, ripetiamo iniziative che lo scorso anno sono andate molto bene come Leggermente, una rassegna di libri che ha avuto un notevole successo di pubblico, c’era spazio e bisogno di una manifestazione del genere. Spaziamo dall’intrattenimento più puro a manifestazioni che si rivolgono ad un pubblico più ristretto e a Livorno tutto ciò trova sempre un pubblico. E questa risposta del pubblico dà l’idea di una città a disposizione di tutti”.

Il Programma:

brochure_estate