Ci mancava la skate plaza

di Roberto Olivato

Oggi Alessandro Aurigi Assessore allo sport ha illustrato la variazione del programma triennale delle opere pubbliche 2018/2020, che è stata votata oggi dal Consiglio Comunale e che destina 350mila euro dell’avanzo d’esercizio alla realizzazione di uno skate park per pattini e skateboard per assi a rotelle con tanto di rampe per le evoluzioni degli spericolati ragazzi che in questo sport amano cimentarsi, alla Rotonda d’Ardenza. Dice l’amministrazione comunale che con questo progetto ha voluto rispondere alla grande richiesta del mondo skate, coinvolto sin dalla fase progettuale, pensando però anche a chi va su rollerblade e monopattini ad avere, finalmente, una struttura dedicata, in totale sicurezza. L’obiettivo è realizzare la Skate Plaza entro l’inizio dell’estate 2019. Sarà senz’altro un’iniziativa che riscuoterà il plauso degli appassionati pattinatori, che non pensiamo siano poi tantissimi a Livorno. L’idea pensata per dare una valvola di sfogo ai giovani praticanti, cui il codice della strada fa divieto di sfrecciare su asfalto e marciapiedi, stride con la carenza di abitazioni e disagi vissuti dai livornesi delle periferie. Si dirà che trecentocinquantamilaeuro non siano una grossa cifra, ma forse avrebbero potuto essere spesi meglio ed in maniera più oculata, anche perché forse si potevano costruire alcuni appartamenti popolari, che male di certo non avrebbero fatto. Così come le inutilizzate piste ciclabili che hanno ridotto carreggiate e marciapiedi, ecco lo skate park che dopo i primi mesi di richiamo per la novità, diventerà senz’altro una cattedrale nel deserto.