Il leader dei No Vax ricoverato in terapia intensiva

Dopo aver registrato il 2 novembre, il decesso del luogotenente dei Carabinieri, convinto no vax, si registra oggi il caso di un esponente del movimento contrario al vaccino, ricoverato in terapia intensiva. Cosa deve ancora avvenire per convincere gli obiettori al vaccino, che esso è l’unica arma che può salvarci la vita?

Parlava di “dittatura sanitaria” il leader no vax veneto Lorenzo Damiano, esponente e attivista del mondo dei no vax e no Green pass. Ora è ricoverato per Covid-19 in terapia sub intensiva all’ospedale di Vittorio Veneto. Ha sviluppato gravi problemi respiratori ed è ora sottoposto a respirazione assistita con l’ossigeno.

Come riporta Il Gazzettino ( quotidiano Veneto ), il 56enne cattolico integralista, Lorenzo Damiano, sarebbe contagiato dal coronavirus a Medjugorje, in Bosnia-Erzegovina, dove era andato in pellegrinaggio ad inizio novembre. Dopo qualche giorno di terapie domiciliari, è stato necessario il trasferimento in ospedale a causa della bassa saturazione e del peggioramento delle sue condizioni.