L’ effetto di un nome

Mancano poche ore alla partenza della 32esima edizione Effetto Venezia che dopo l’edizione del 2015 “Livorno terra dei diritti” e quella del 2016 “Decoro urbano”, vedrà la Kermesse di quest’anno fregiarsi di un motto coniato dal Granduca Ferdinando II nel XVII sul tallero, la prima moneta livornese: ” Diversis gentibus una ” e cioè, una sola città di genti diverse. Quest’anno l’Effetto uscirà dai suoi
naturali confini, raggiungendo il mercato centrale all’interno del quale ogni sera saranno preparati piatti di cucine di varie etnie come quella greca, africana, rumena, pakistana, ebraica, logicamente non mancheranno i piatti tipici della cucina livornese. L’assessore alla cultura Belais si è detto più che soddisfatto del programma realizzato e si è augurato che ” anche quest’anno Effetto Venezia faccia centro e registri il successo di sempre. ” A proposito, si può sapere una volta per tutte il vero cognome di questo intraprendente assessore? La domanda sorge spontanea perché, mentre sul programma di Effetto Venezia è riportato Francesco Belais, sul sito del Comune Belais diventa Belaise, Senz’altro non è un’informazione di grande effetto, ma per fare chiarezza pensiamo che i cittadini debbano conoscere il nome corretto di un proprio Amministratore. La chiarezza nella gestione cittadina a volte parte proprio dalle piccole cose, come quello della correttezza di un nome.

Roberto Olivato