Santa Franca esiste

Di nobile famiglia piacentina entrò in monastero giovanissima, sino alla morte. Papa Gregorio X la canonizzò nel 1273 

di Roberto Olivato

Mancano nove giorni al 25 aprile, data che nella storia della nostra Repubblica rappresenta l’anniversario della festa della Liberazione, avvenuta 73 anni or sono. La Chiesa in quella data festeggia San Marco evangelista, patrono di Venezia, ma anche di notai, scrivani, vetrai, pittori su vetro, ottici. Rimanendo sempre nell’ambito ecclesiastico, il 25 aprile ha in serbo però una sorpresa che in pochi conoscono e che forse appagherà la curiosità di molti. In una chiesa di Morfasso, in provincia Piacenza, il 25 aprile viene festeggiata Santa Franca a cui la parrocchia è dedicata. Si, proprio così Santa Franca esiste e pertanto tutte le “Franche” potranno finalmente festeggiare il loro onomastico senza aspettare il 4 ottobre in coabitazione con San Francesco. Nata a Piacenza nel 1175 da nobile famiglia dei conti Vitalta, appena sedicenne entrò nel monastero benedettino di S.Siro in Piacenza, dove rimase sino alla sua morte avvenuta il 25 aprile 1218. Venne canonizzata nel settembre del 1273 da papa Gregorio X, anch’egli piacentino. Dopo varie traslazioni le sue spoglie si trovano ora nella chiesa delle Benedettine di S. Raimondo in Piacenza. Sulla vita di Santa Franca, vi sono diverse pubblicazioni, ma anche su internet si trova diversa interessante documentazione. (foto in copertina la chiesa di Morfasso)