Una raccolta differenziata, ma di lamentele

di Roberto Olivato

Continuiamo in redazione a raccogliere, il verbo é a pennello, lamentele circa la tanto decantata “raccolta differenziata”.  L’ultima è quella di una ragazza che abita in zona viale Risorgimento. Nelle righe si rileva lo sgomento e la disillusione circa tutte le promesse fatte dall’Aamps e dall’Amministrazione comunale, sull’utilità del servizio e sui benefici che lo stesso porterebbe a tutti noi. Passando dalle parole ai fatti si nota che al lato pratico, questo tipo di raccolta crea solo problemi che sino a prima dell’entrata in vigore di questo nuovo servizio, i cittadini non avevano. Differenziare i rifiuti ai fini di un migliore smaltimento e quindi recupero di materie prime, è senz’altro un’operazione che alla lunga darà dei frutti, quello che però al momento è evidente è la situazione di difficoltà in cui si trovano le famiglie. Il caso di questa ragazza è emblematico e lo riportiamo quale esempio di molte altre situazioni analoghe. La giovane ci dice in sostanza, a parte i benefici che arriveranno, io al momento devo tenermi i rifiuti in casa per diversi giorni, cosa che prima non facevo usando la pattumiera. Già in precedenti articoli abbiamo presentato pesanti situazioni di rifiuti rimasti a cielo aperto, in attesa del passaggio degli addetti alla nettezza, ma da quello che vediamo e da quello che ci segnalano non ci sono progressi circa una migliore gestione della raccolta rifiuti, che forse andrebbe riprogrammata in orari, personale e mezzi. Questa l’email pervenutaci che rispecchia il sentimento di molte altre famiglie, verso le quali invitiamo Aamps ed Amministrazione Comunale a prestare orecchio:

” Prima di iniziare la raccolta differenziata, sembrava che dovessero pulire sul serio tutte le strade. È tutto uguale a prima se non peggio. Uno schifo totale per non parlare dello schifo che ora c’è in casa mia, lasciamo perde.. anzi no: a fronte dell’unica pattumiera, ora ho quattro bidoni della immondizia in cucina per cosa? Oltretutto non è nemmeno igienico tenere i rifiuti in casa per alcuni giorni, in attesa del passaggio dell’omino. Per risanare l’ambiente? Come se fosse quello problema. Ma quanto ci prendono in giro!?.. e noi fessi che li ascoltiamo pure. Questa raccolta porta molto più giro di soldi a qualcuno e a noi solo rotture di scatole”.