A Didacta chef d’eccellenza per una ristorazione scolastica sana e appetitosa.

 

Alla Fortezza da Basso di Firenze il 27, 28 e 29 settembre, si terrà la prima edizione italiana di Didacta, il più imp ortante appuntamento fieristico sulla scuola a livello europeo. Per la prima volta questa fiera dell’istruzione e della formazione, che da oltre mezzo secolo attrae più di centomila visitatori all’anno in Germania, esce dai confini tedeschi scegliendo proprio Firenze come sede. La manifestazione, rivolta a docenti, dirigenti scolastici, educatori, formatori e rappresentanti istituzionali, oltre a professionisti ed imprenditori del settore, sarà un luogo d’incontro tra le scuole e le aziende del settore ed i fornitori di servizi. Un’occasione unica per gli operatori scolastici di ogni ordine e grado, sia sotto il profilo formativo, che di aggiornamento su tutto quello che ruota intorno al mondo della scuola. Il settore espositivo comprende aziende italiane e straniere di diverse tipologie merceologiche collegate al mondo della scuola e dell’università, che spaziano dall’editoria alle tecnologie informatiche, dall’arredo alla refezione. Oltre a Firenze fiera e Didacta International, fanno parte del comitato organizzatore dell’edizione italiana: la Regione Toscana, il Ministero dell’Università e della Ricerca scientifica, il Comune di Firenze, la Camera di Commercio di Firenze, l’istituto Indire ( l’Istituto nazionale di documentazione e ricerca educativa) partner scientifico della manifestazione, Convention & visitors bureau di Firenze ed Itkam che è la Camera di Commercio italiana in Germania. Sarà la più grande fiera sulla scuola mai organizzata in Italia, occuperà una superficie di ben 3.500 mq, suddivisa in 4 padiglioni: Spadolini, Cavaniglia, Quartieri Monumentali, Palazzina Lorenese. La Regione Toscana sarà presente con un proprio stand di oltre 230 mq, finanziato con risorse del fondo sociale europeo. In tutto sono programmati oltre 80 eventi tra convegni, incontri e lo studio delle procedure per raggiungere i migliori obbiettivi, laboratori formativi sulle nuove tecnologie e sulla didattica, dall’infanzia fino ai corsi di specializzazione e di formazione professionale. Tra i numerosi appuntamenti aperti al pubblico non potevano certamente mancare quelli incentrati sulla refezione scolastica presso un’Area Cooking Show, dove esperti del settore, nutrizionisti e chef d’eccellenza potranno illustrare i principi della sana e corretta alimentazione , della produzione e distribuzione del cibo per le scuole. In particolare sono previsti una Tavola Rotonda su “Il valore educativo della Ristorazione” e un laboratorio dal titolo “Cibo e benessere a scuola. L’importanza del ruolo formativo dell’insegnante”. Gli incontri vogliono essere una condivisione di esperienze e di linee guida sul valore e il rispetto del cibo, inteso non solo come nutrimento, ma anche tradizione, innovazione, salute e benessere, etica e responsabilità. Nella mattina del 29 settembre nella sala “Alimentazione & Scuola” al padiglione Spadolini ci sarà uno show di cucina dal titolo “chef tra le mense”. L’iniziativa è stata programmata dalle amministrazioni comunali dell’Unione Comunale del Chianti Fiorentino che hanno voluto sperimentare la creatività per trasferire le abilità della ristorazione di qualità nelle cucine e nei refettori scolastici. Una selezionata equipe di cuochi (tra cui due stelle Michelin) e animatori, darà la risposta ai palati più esigenti, con l’intento di fornire nuovi stimoli alle cuoche e ai cuochi che lavorano per i Comuni. Ogni chef è chiamato a rivisitare un piatto previsto nel menù, definito in ogni suo aspetto e già attivo nelle scuole. Dopo la presentazione da parte dei sindaci promotori dell’iniziativa San Casciano, Greve in Chianti, Barberino Val d’Elsa, Tavernelle val di Pesa, scenderanno fra i fornelli gli chef: Michelangelo Rongo del ristorante “Aragosta” di Livorno, Vito Mollica del ristorante “Four Seasons” di Firenze; Maria Probst del ristorante “La tenda Rossa” di San Casciano, Matia Barciulli del ristorante “Osteria di Passignano” di Tavernelle. Ovviamente nei piatti per le mense scolastiche non potrà mancare la pizza, che sarà presentata dal pizzaiolo Giovanni Santarpia di Firenze. Nel pomeriggio la scena passerà ai futuri chef delle scuole alberghiere ITS “Pacinotti” di Bagnone (MS), ITS “Bernardino Lotti” di Massa Marittima (GR) e ITS “Pellegrino Artusi” di Chianciano Terme (SI). “Dulcis in fundo”, la Scuola Tessieri, atelier delle arti culinarie di Ponsacco (PI), insieme all’IPSAR “G. Matteotti” di Pisa, chiuderanno l’evento con la proposta di una pasticceria dai sapori casalinghi, semplici e genuini per la riscoperta di una sana e gustosa merenda. Il maestro pasticcere Raffaele Musacco preparerà sul momento gustose “Tortine di mele e muesli”, mentre gli studenti appronteranno una ricca selezione di monoporzioni e torte, che saranno offerte per una degustazione a tutti gli ospiti presenti in sala.

                                                                                                                     Beppe Chionetti