La Donna é musica

Lezione sull’opera di Arnaldo Carpanetti  “Donna con chitarra” con Proiezione Video in loop di 10 icone dell’arte nazionale e internazionale dedicati al tema “La Donna è musica”

Domenica 22 settembre 2019, ore 11.30, alla Pinacoteca Comunale Carlo Servolini via Umberto I  n 63 Collesalvetti, andrà in onda la lezione di Francesca Cagianelli dedicata all’opera di Arnaldo Carpanetti, Donna con chitarra, con Proiezione Video in loop di 10 icone dell’arte nazionale e internazionale dedicati al tema “La Donna è musica”. L’evento, promosso dal Comune di Collesalvetti, ideato e curato da Francesca Cagianelli in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, prevede l’apertura straordinaria della Pinacoteca fino alle 13.00. Tra le più significative delle collezioni permanenti del museo colligiano, l’opera di Carpanetti, donata al Comune di Collesalvetti nel 1965, racconta le coordinate nazionali dell’attività di Luigi Servolini che, proprio in veste di promotore culturale, intrattenne rapporti strategici con i principali esponenti della compagine artistica novecentesca. Doveroso omaggio ad Arnaldo Carpanetti (Ancona, 15 gennaio 1898 – Milano, 5 aprile 1969) nel 50° dalla nascita, il focus ideato da Francesca Cagianelli punterà alla valorizzazione di uno dei più significativi esponenti del Novecento Italiano, lungamente dimenticato dalle cronache artistiche, ma recentemente storicizzato da Elena Pontiggia in chiave di singolare interprete della tradizione cinque-seicentesca: “La sua pittura si traduce inizialmente, alla metà degli anni Venti, in un novecentismo barocco, al contrario di Sironi e compagni che si ispirarono a un Trecento o un Quattrocento rarefatto”. Proprio il rapporto con Mario Sironi, di cui fu amico, collaboratore ed estimatore, consente di ripercorrere gli esiti della sua prolifica produzione, a partire da Il ratto delle Sabine, presentato alla II Sindacale Lombarda e insignito del prestigioso Premio Principe Umberto, di cui lo stesso Sironi commenta  “eccita la curiosità e le speranze, Carpanetti è un coraggioso e i suoi tentativi nel campo della grande pittura di figura non si ripetono invano, non solo nel senso che ad essi è connesso un reale progresso pittorico e sensibile, ma- continua Sironi- perché alla sua messianica volontà di vittoria si rivolgono ormai attenzione e consensi”. Tale attestazione di stima da parte di Sironi è all’origine della sua collaborazione con Carpanetti in occasione dell’ideazione della Stele del giornale della Rivoluzione, un monumentale pannello introduttivo alla Mostra Nazionale del Dopolavoro, allestita al Circo Massimo nel 1938, oltre che in vista della realizzazione, sempre nello stesso anno, di “un palazzo delle battaglie e delle vittorie” all’EUR, mentre non ne impedirà momenti di competizione antagonistica, come nel caso della committenza, poi pervenuta a Carpanetti, per la progettazione di un affresco destinato al “Sacrario” del Palazzo del Popolo d’Italia, costruito dall’architetto novecentista Giovanni Muzio.

info  0586 980256 e 980255    pinacoteca@comune.collesalvetti.li.it  www.comune.collesalvetti.li.it