Basta con badaqui, badali

A seguito del degrado dello Scoglio della Regina, appello del Sindaco e delle assessore Bonciani e Cepparello ai cittadini, per abbattere il degrado di cui è vittima il fiore all’occhiello della ricerca e della tecnologia livornese. Appello ad una maggiore partecipazione responsabile dei cittadini.

di Rita Santuari

Il bellissimo stabilimento balneare Scoglio della Regina fu costruito nel 1846 dal dott. Squarci e fu uno dei primi e veri bagni della nostra città , che purtroppo e come al solito , cade nel degrado più sconcertante a causa dell’utilizzo sconsiderato di personaggi inquietanti che lo frequentano. Ubriachi, spacciatori, senza dimora e improvvisati artisti che lo deturpano con scritte difficilmente cancellabili dal travertino che gli assorbe se non con un vero e proprio restauro. L’incontro in conferenza stampa con il sindaco Luca Salvetti , l’assessore all’ambiente Giovanna Cepparello e Barbara Bonciani  assessore al Porto, Innovazione e Università, hanno presentato quello che dovrà essere fatto, non solo in un prossimo futuro, ma da subito , cominciando col ripulire la zona dalla spazzatura lasciata dai frequentatori , nonché tracce di urine. Quindi pulizia giornaliera e controlli: ” Questo luogo deve essere riportato al ruolo per il quale era stato ristrutturato anni fa, dove insiste la scuola Sant’Anna con i suoi laboratori all’avanguardia ad alte tecnologie.- afferma il sindaco- dunque una lotta anti degrado della nostra città.  Non dobbiamo più voltarci dall’altra parte, bensì essere compartecipi quali cittadini che rispettano i luoghi dove viviamo, non più badali, badaqui , ma qui no. Questo è lo slogan. Ogni cittadino- ha proseguito Salvetti-  ha il dovere di segnalare quello che non va, ogni cosa, anche se può sembrare banale può essere importante”- Il sindaco ha  accennato anche agli ultimi accadimenti cittadini di Coteto nell’occhio di ladri e male intenzionati, che si aggirano tra una popolazione impaurita e intimorita, tanto che si sono costituiti, in modo spontaneo, in comitato di sorveglianza proprio per segnalare alle Forze dell’Ordine quello che può essere un pericolo. Coinvolgere, dunque il cittadino per una sicurezza partecipata. Tornando allo Scoglio della Regina a settembre cose importanti saranno integrate in questa struttura per un migliore utilizzo di tutta l’area, renderla vivibile al cittadino per il decoro della città stessa . Dunque andiamo avanti segnalando ciò che può essere degrado. Attualmente nel complesso Scoglio della Regina operano questi soggetti:
CNR – Istituto per la Bio Economica (IBE)
CIBM – Centro interuniversitario Biologia Marina ed Ecologia Applicata
Scuola Superiore di Studi Universitari Sant’Anna di Pisa Istituto di Biorobotica. Consorzio Lamma (CNR e Regione Toscana); Capitaneria di PortoControllo e campionamento ambientale

Appena fuori dallo Scoglio ecco la foto di degrado nel vialetto di fronte , resti di un letto , cuscino ,coperte e cartone, a pochi passi un Bud Spencer tarchiato e goffo guarda silenzioso e sornione, se potesse pensare chissà quante cose avrebbe da dirci.