Demolizione torre all’ex Parterre

Da giovedì 23 maggio inizio lavori demolizione della torre Piezometrica al parco Pertini ex Parterre. Per consentire l’esecuzione dell’intervento in condizioni di sicurezza, il parco rimarrà chiuso per due settimane.

L’intervento, a cura dell’ufficio ingegneria strutturale del Comune di Livorno con il benestare della Soprintendenza, è stato deciso per la sicurezza e il decoro del parco, visto il pessimo stato di conservazione del manufatto. I lavori inizieranno giovedì 23 maggio, dopo la festività di Santa Giulia e comporteranno la totale chiusura del Parco Pertini per due settimane, la riapertura è prevista per venerdì 7 giugno. La chiusura si rende necessaria per portare a termine, in condizioni di sicurezza, la demolizione della torre e del serbatoio, e la rimozione dei materiali. La torre piezometrica ha infatti un’altezza di 25 metri e un ingombro in pianta circolare del diametro di 5 metri, con una struttura portante in calcestruzzo armato, costituita da 6 pilastri, che regge il grande serbatoio cilindrico posto in sommità. Al piano terra è presente un vano tecnico. La procedura di demolizione prevede l’imbracatura del serbatoio e il taglio dei 6 pilastri a un metro e mezzo di distanza dal solaio, e il successivo calo a terra di questa sezione. Successivamente sarà imbracato lo scheletro di sostegno, e un’altra sezione alta 10 metri sarà tagliata e calata a terra. Infine le due strutture rimosse e la parte residua della struttura saranno demolite a terra e ridotte in elementi trasportabili da avviare allo smaltimento. Il costo dell’intervento è di 45mila euro. Con le economie conseguite in sede di gara, sull’area attualmente occupata dalla torre sarà realizzato un basamento sopraelevato che sarà possibile utilizzare in occasione di iniziative e piccole manifestazioni.