E’ sempre vivo il Presepe a San Ferdinando

Oltre una quarantina i figuranti del Presepe Vivente rappresentato da oltre vent’anni nella chiesa di S. Ferdinando. Nel video a fondo pagina alcuni momenti 

di Roberto Olivato

Come già anticipato, ieri pomeriggio 6 gennaio in occasione della festa dell’Epifania, ha avuto luogo nella parrocchia di S. Ferdinando, il Presepe Vivente.
La rappresentazione, giunta alla sua ventiduesima edizione, ha visto grande partecipazione di fedeli sia come figuranti che come spettatori.

Il Presepe Vivente sotto la guida di Gabriella Lunardi, annualmente propone tematiche diverse collegate alla nascita del Bambinello e quest’anno ha sottolineato il desiderio di Pace dove tutti i presenti stringendosi le mani l’un l’altro, hanno dato vita ad un grande cerchio che partendo dalla mangiatoia si è esteso per tutta la navata.

Non solo un gesto simbolico ma sentito e che ha voluto sottolineare e ricordare, in questo periodo di guerra, come la nascita del Bambinello sia avvenuta per portare Pace fra gli uomini.

La colonna sonora della Corale Polifonica Sarda diretta dal maestro Mauro Ermito, con i canti natalizi ha accompagnato lo spettacolo.

La voce del soprano Jolana accompagnata all’organo dal maestro Enrico Senesi ha cantato una ninna nanna natalizia.

La rappresentazione si è conclusa con la liberazione di uno schiavo, da parte di un padre Trinitario, sottolineando il carisma dei padri dalla croce Rosso-Blu che da sempre sono impegnati nella liberazione dei cristiani perseguitati.

Al termine il parroco padre Emilio Kolaczyk nel ringraziare i presenti ha ricordato come la messa in scena del Presepe vivente “ è un modo per confermare e rafforzare la nostra fede verso colui che con la sua venuta ci ha insegnato ad amarci. ”