Ennesimo attentato a consigliere 5Stelle parla il sindaco

Dopo l’ennesimo atto vandalico ad esponente di 5Stelle, questa volta al presidente del consiglio comunale Daniele Esposito, dopo quello subito settimana scorsa dal consigliere Francesco Bastone la presa di posizione del sindaco Filippo Nogarin è forte e chiara, anche perché qualsiasi idea politica deve sempre essere espressa in maniera civile magari alterata nei toni, ma sempre circoscritta a manifestazioni che, seppur dettate da critiche verso la Giunta ed i suoi componenti, rimangano nell’ambito della dialettica politica. Simili gesti vigliacchi denotano la pochezza e l’ignoranza della persona o persone che hanno commesso i due reati ed ecco quindi la decisa presa di posizione di Nogarin:

SI E’ PASSATO IL SEGNO
“Quando togli tre bulloni su quattro alla ruota di un’automobile e sviti quasi completamente l’ultimo non ti stai rendendo responsabile di un “dispetto” o di un atto dimostrativo , per quanto pesante.
No, ti stai rendendo responsabile di un tentato omicidio.
Le cose vanno chiamate con il loro nome.
Se, invece che sulla strada per Tirrenia, il presidente del consiglio Daniele Esposito si fosse trovato a viaggiare a 130 km/h in autostrada e la ruota, come è successo, fosse uscita dal semiasse fino ad inclinarsi, cosa sarebbe accaduto? Non voglio nemmeno pensarci.
Le cose indiscutibili sono due.
La prima è che si è passato il segno: nessun provvedimento amministrativo, per quanto impopolare, può giustificare una reazione del genere.
La seconda è che noi andremo avanti con le politiche di cambiamento e modernizzazione di cui questa città ha un disperato bisogno. E lo faremo, come sempre, mettendoci costantemente in discussione, pronti a correggere, migliorare e persino cancellare qualsiasi misura se necessario.
Perché il confronto fa parte della politica.
Sabotare un’automobile, sui cui tra l’altro viaggiavano anche 3 ragazzine, invece, è da criminali. Vigliacchi e criminali.”