Festa di San Matteo

Abbandonare l’egoismo ed aprire il cuore al prossimo le parole del vescovo. Sono 190 le famiglie colpite dall’alluvione e che hanno perso tutto. Accordi Caritas con Ikea e Fiat.

Oggi parrocchia S.Matteo festa patronale con il vescovo Simone Giusti che ha celebrato la S.Messa accompagnata dal coro giovanile della parrocchia. “ S.Matteo quando ha incontrato Gesù ha lasciato tutto e tutti per unirsi al Messia, perché sino a quando impostiamo la vita solo sul denaro nel nostro cuore non c’è più posto per nostro Signore”. Aprire il nostro cuore al prossimo abbandonando l’egoismo ha portato il vescovo a parlare delle famiglie alluvionate, per le quali è necessario il contributo di tutti, per aiutarle a tornare alla normalità di vita. “ Sono 190 le famiglie che hanno perso tutto– ha proseguito monsignor Giusti- e a seguito di una riunione con la Caritas nazionale stiamo studiando alcuni interventi”. Monsignore ha parlato di aiuti Caritas regionali può spiegarci meglio? “ Dopo la riunione abbiamo deciso di fare una sorta di censimento circa le famiglie più bisognose verso le quali interverremo con i fondi messi a disposizione della Cei”. E’ già arrivato il milione di Euro promesso dalla Conferenza Episcopale? “ Al momento è arrivata una prima tranche di centomila euro, mano a mano che affronteremo le diverse richieste, che andranno vagliate caso per caso, ci verrà consegnata una seconda somma”. Può dirci che progetti avete in mente? “ Innanzitutto bisogna chiarire che il nostro aiuto è finalizzato all’ acquisto di mobili e auto per coloro che l’hanno persa a seguito dell’alluvione, per gli immobili ci sarà un intervento statale”. Come vi muoverete? “ Per i mobili stiamo facendo un accordo con Ikea per l’acquisto di mobili, dove il grande magazzino applicherà un particolare sconto e come Caritas metteremo un ulteriore somma per permettere, a chi deve acquistare mobili, di andarli a pagare ad un prezzo scontatissimo. Lo stesso per le auto, stiamo concordando con Fiat alcune agevolazioni per coloro abbiano perso l’autovettura, oltre allo sconto Fiat ci sarà un contributo della Caritas per far si che chi necessita di un mezzo, lo possa acquistare ad un particolare prezzo”. Pensa che il milione di Euro possa bastare? “ Assolutamente no, per questo si è pensato che qualora si arrivasse ad aver speso quella cifra, le Diocesi toscane interverranno con una raccolta di fondi presso tutte le parrocchie”. Che cosa pensa circa l’intervento nella pulizia di strade, scantinati e appartamenti dei giovani soprannominati Bimbi della mota, giovani ai quali lei aveva dedicato l’ultima sua Lettera Pastorale ? “ Hanno dimostrato che lo stereotipo dei giovani nullafacenti non regge”.

                                                                                                                                                                               Roberto Olivato