Io e il Rio Ardenza

di Roberto Olivato

Il Rio Ardenza venuto prepotentemente alla ribalta nei giorni dell’alluvione, sarà di nuovo protagonista domani 20 maggio alle ore 10 al gazebo dei tre ponti, in una sorta di riappacificazione col territorio e le tante famiglie che gravitano lungo il suo corso. Su iniziativa di diverse associazioni, come si legge nella locandina dell’iniziativa, quali il circolo Arci La Rosa, Spi Cgil, Arci Livorno, Cral Atl, Uisp Livorno e Livorno Counseling della Scuola ASPIC  è stata organizzata una passeggiata lungo le sponde del Rio. Una particolarità di questa manifestazione è che i partecipanti saranno affiancati da “counselor” , ma chi sono queste figure ce lo spiega Paola Rombi Maggini, una collaboratrice di Counseling Livorno “ Siamo esperti della relazione e comunicazione che aiuta gli altri ad aiutarsi , farorendo in essi l’autostima trasmetendo un senso di fiducia”. Siete una sorta di psicoterapeuti? “ Non proprio, lo psicoterapeuta punta di più sul passato della vita della persona, noi invece puntiamo sul presente”. Può spiegarci meglio? “Nel momento in cui una persona si trova in una situazione di difficoltà, noi l’ aiutiamo a trovare i punti di forza che sono dentro ognuno di noi e questo cerchiamo di farlo in tempi brevi, proprio per farla uscire il più presto possibile dalla situazione di disagio. Lo psicoterapeuta necessita di tempi più lunghi e di un lavoro più approfondito”. Che tipo di azioni attuate per riportare alla normalità le persone in difficoltà? “ Nel counseling offriamo alla persona supporto, orientamento, sviluppo dell’autonomia decisionale, formazione di abilità specifiche”. Come si diventa “counselor” ? “ Chiunque può diventare counselor, basta avere la predisposizione a sapersi porre in relazione con il prossimo e frequentare un corso” Per chi volesse avere informazioni più dettagliate su questa affascinante attività potrà rivolgersi  cell. 3404054308 dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00 .