L’Amministrazione risponde con un’ordinanza ai “Veneziani” ed agli esercenti del quartiere

I motivi dell’Ordinanza: Il quartiere Venezia e l’area di piazza XX Settembre interessate dalla Movida, con presenza di numerose persone che con i loro comportamenti arrecano disturbo alla tranquillità dei residenti, oltre all’abbandono sul suolo pubblico di rifiuti dovuti al consumo di bevande. Il link dell’Ordinanza

di Roberto Olivato

I problemi sollevati da diversi mesi dagli abitanti ed ultimmente anche dagli esercenti della Venezia, hanno visto una decisa presa di posizione dell’Amministrazione comunale, che con un’ordinanza presentata in una conferenza stampa nel pomeriggio di oggi 6 ottobre, ha deciso finalmente di attivarsi. La presa del Comune è conseguenziale alle continue lamentele dei “Veneziani” ai quali si sono aggiunti nella scorsa settimana anche gli esercenti del quartiere che all’unisono sollecitavano l’Amministrazione, affinchè ponesse rimedio al degrado che nei fine settimana vede lo storico quartiere di Livorno, in preda a bande di giovinastri che ne deturpano l’ambiente con schiamazzi e rifiuti. A parlare degli interventi che saranno messi in campo, il sindaco Luca Salvetti, l’assessora alla mobilità e ambiente Giovanna Cepparello, l’assessore al commercio Rocco Garufo, la comandante della Polizia Municipale Annalisa Maritan ed il direttore di Aamps Raffaele Alessandri. Il piano riguarda la gestione sostenibile del quartiere della Venezia, esigenze e diritti dei residenti, prospettive di lavoro per i locali che occupano circa cinquecento persone.

” L’ordinanza che andrò ad illustrare– ha detto Salvetti- è frutto di un lavoro che dura da mesi, dopo un’attenta valutazione   dell’Assessorato all’ambiente, di Aamps, della Polizia Municipale, dell’Assessorato al commercio e dai loro sopralluoghi abbiamo raccolto elementi per emettere una specifica ordinanza. Il nostro intervento è conseguenziale a diversi esposti di cittadini che lamentavano il forte inquinamento acustico ed atti di vandalismo, che rendevano invivibile il loro quartiere, stesse lamentele  anche per piazza XX settembre. Tengo però a sottolineare– ha proseguito il sindaco-che nessuna ordinanza è risolutiva per la malamovida, come dimostrano altre simili ordinanze emanate in tante altre città, anche perchè la movida corretta è frutto di una crescita culturale che partendo dalle famiglie sino alla scuola, deve giungere ai nostri giovani. Con l’ordinanza fissiamo delle regole che andranno rispettate e per chi non le rispetterà scatteranno delle sanzioni.”

“Con questo provvedimento interveniamo con serietà ed equilibrio nei confronti del buon vivere dei residenti ed a salvaguardia del lavoro degli esercenti– ha dichiarato Garufo – Questa ordinanza, che attualmente sarà in via sperimentale e durerà un mese, serve a tamponare la situazione che si verifica fuori dai locali, dagli effetti che otterremo capiremo quali interventi futuri eventualmente dovremo mettere in campo.”

“Alcuni comportamenti turbano la tranquillità dei cittadini e per questo saremo inflessibili verso l’inquinamento acustico e sui consumi di bevande alcoliche e non– ha precisato l’assesora Cepparello- fuori dai locali sarà vietato il consumo di bevande alcoliche, superalcoliche e non alcoliche nelle aree pubbliche, aperte al pubblico e soggette ad uso pubblico, richiamando al rispetto della chiusura alle 23,59 anche degli spazi all’aperto dei locali pubblici, entro il cui orario sono comprese le operazioni necessarie a riunire e porre in sicurezza gli arredi.”

Dell’operato della Polizia Muncipale ha parlato la comandante Annalisa Maritan, che ringraziando il questore per l’efficace coordinamento delle Forze dell’Ordine, ha ricordato ” Sono stati incrementati i controlli a difesa della quiete pubblica. Interventi che hanno portato a sanzionare sei locali per musica ad alto volume, 1 locale per musica oltre l’orario previsto, 113 sanzioni per divieto di sosta nelle serate dal 25 al 28 settembre e 199 sanzioni nell’ultimo fine settimana. In caso d’inottemperanza all’ordinanza le sanzioni previste partono da € 25,00 sino ad € 500,00 “

 

Questi i punti salienti dell’Ordinanza del sindaco:

 ORDINA

Dal giorno 8 ottobre 2021 al 7 novembre 2021-  Divieto di consumodi bevande alcoliche, superalcoliche e non alcoliche nelle aree pubbliche, aperte al pubblico e soggette ad uso pubblico dalle ore 00.00 alle ore 6.00 nell’area del Quartiere della Venezia e di piazza XX Settembre

         RICHIAMA

Tutti gli esercizi di somministrazione,, al tassativo rispetto del Disciplinare comunale per la concessione dei dehors, con particolare riferimento all’orario di chiusura alle attività di somministrazione all’aperto, nel quale sono comprese le operazioni necessarie a riunire e porre in sicurezza gli arredi.

          DEMANDA

Al Settore Polizia Locale di provvedere ad un’attenta verifica circa l’ottemperanza alla presente ordinanza

All’Ufficio Stampa di provvedere alla più ampia diffusione del presente provvedimento.

          AVVISA

Che i trasgressori della presente ordinanza sono passibili della sanzione amministrativa pecuniaria applicata ai sensi dell’art. 7-bis                del D. Lgs. 267/2000, salvo che il fatto non costituisca reato ( come previsot dall’art. 5 del D.M 30 ottobre 2007 )

ORDINANZA SALVETTI