Le Gabbrigiane al Mercato

Per un sabato tornano al Mercato centrale con le loro ceste, le “Gabbrigiane”. Di loro parlarono pittori e scrittori .

Diversi pittori macchiaioli dell’ottocento quali Renato Natali, Carlo Domenici e Giovanni Fattori, delle “Gabbrigiane” ne avevano fatto le protagoniste di alcuni loro dipinti e lo storico Pietro Vigo nel capitolo XII di un suo volume dedicato a Montenero così diceva di loro : ” Molte donne che abitano al Gabbro o in altri villaggi delle colline livornesi, vengono tutti i giorni e con tutti i tempi a vender le uova, la cacciagione, i polli, le patate ed altro a Livorno, dove son chiamate col nome generico di gabbrigiane. Nelle buone stagioni, quando la devozione o il desiderio della scampagnata e di un po’ di riposo spingono i livornesi a Montenero in gran numero, le gabbrigiane si fermano presso la piazza, fra l’estremità della Via Terrazzini e la chiesa, e accovacciate presso le loro grandi ceste invitano a comprare “. Queste donne che venendo dal Gabbro vennero soprannominate per l’appunto “Gabbrigiane”, sabato 14 aprile alle ore 17,30 torneranno ad animare il Mercato con un evento a cui parteciperanno personaggi locali che rievocheranno scene di vita contadina passata, ricordi, testimonianze. Non mancherà la rappresentazione di antichi mestieri, quali il fabbro ferraio o il riferimento alle risorse della macchia ed all’utilizzo delle erbe spontanee nella cucina e nella medicina popolare, così come una testimonianza dell’arte macchiaiola che nelle Gabbrigiane, con le loro grandi ceste e le pezzole colorate, trovò motivo di ispirazione.