E perchè Ricasoli ?

Ora mi farò dei nemici, ma quando penso una cosa, devo dirla, non mi piace tenerla dentro di me. Ho considerato un nemico del popolo Carlo Azeglio Ciampi quando è stato governatore della Banca d’Italia, quando è stato premier, o ministro delle finanze e così anche quando è diventato presidente della Repubblica. La situazione che si è venuta a creare con la proposta di intestargli la Rotonda è grottesca. Per me, volere o non volere, questo livornese è stato tutto quello che ho detto e anche se materialmente non ha fatto niente per questa città, le ha comunque dato lustro. Un lustro borghese, qualcuno potrà contestarmi. Vero, ma in Italia non è il proletariato a governare e volere o non volere, questo livornese è stato pubblicamente quello che ho detto sopra. Come mai, mi domando, nessuno ha proposto di togliere il nome di Bettino Ricasoli dalla via, fino ad ieri, più centrale della città? Era con gli austriaci quando assediarono e cannoneggiarono la città e noi, tutti gli anni, festeggiamo l’XI Maggio e quella eroica resistenza. Bettino Ricasoli era al fianco di chi massacrò i livornesi e noi? Tutti zitti e nemmeno i puri del M5S che dovrebbero imparare a governare se vogliono spazzare i partiti corrotti, hanno mai fiatato. E come Bettino Ricasoli, vie dedicate a chi non ebbe meriti ce ne sono parecchie.

                                                                                                                        Otello Chelli