Post alluvione: Iniziano operazioni recupero

Approvato il piano di recupero in mare di auto e materiali. Il via il 30 ottobre. Emanate ordinanze da Guardia costiera per interdizione aree soggette a sgombero fondali

“Luce verde” alla rimozione delle automobili e dei materiali riversatisi in mare dopo l’alluvione del 10 settembre scorso. Sono state infatti emanate stamane le ordinanze di polizia marittima da parte della Guardia costiera di Livorno per l’interdizione delle aree che saranno oggetto delle operazioni di sgombero dei fondali negli specchi acquei davanti le località di Ardenza (spiaggia dei Tre ponti), Quercianella e Chioma. I provvedimenti certificano la conclusione di una fase istruttoria che ha visto riuniti ad un tavolo tecnico, coordinato dalla Capitaneria di porto, il Comune di Livorno, i Vigili del Fuoco, l’ARPAT e i soggetti privati che forniranno la propria opera per il raggiungimento dello scopo. Nessun pregiudizio per la sicurezza, salvaguardia dell’ambiente marino, con particolare riguardo all’ apposizione di panne galleggianti per contenere eventuali sversamenti, e corretto smaltimento dei rifiuti sono le tre condizioni principali che erano state prescritte per poter autorizzare le attività. Condizioni meteorologiche permettendo, il piano dovrebbe concretizzarsi nelle giornate del 30 ottobre per la zona di Ardenza, e 31 ottobre per le rimanenti aree. La vigilanza sul posto sarà assicurata, per l’intera durata del recupero, dai mezzi della Capitaneria che offriranno una cornice di sicurezza alle operazioni. Sommozzatori della Guardia costiera del 5° Nucleo di Genova, e dei Vigili del Fuoco di Livorno, opereranno sui fondali con la collaborazione di subacquei di alcune ditte portuali (Setemar, Subsea, Trident). Attività che permetterà ad un pontone della società Neri di Livorno il sollevamento a bordo dei materiali, per trasportarli successivamente in porto e di conseguenza avviare a smaltimento tramite ditte specializzate interessate dal Comune. Sono 6, in tutto, le automobili da rimuovere: 3 auto, davanti la spiaggia dei Tre ponti, alle quali si aggiunge 1 carrello; 2 vetture a Quercianella; 1 mezzo davanti Chioma. Un’operazione complessa e delicata, per gli aspetti ambientali e di sicurezza coinvolti, dove pubblico e privato, sotto il coordinamento della Capitaneria di porto, saranno accomunati dall’interesse di restituire i fondali di Livorno alle condizioni precedenti l’alluvione. Il tutto, senza gravare sulle economie della collettività. Tutti i soggetti, infatti, opereranno gratuitamente.