Presentata alla stampa la Mostra di Modigliani

Più di cento giornalisti alla presentazione della Mostra Modigliani. L’emozione del sindaco Luca Salvetti e l’entusiasmo di Marc Restellini di aver potuto allestire una mostra nella città natale dell’artista livornese, con 14 dipinti e 12 disegni, molti dei quali mai esposti in pubblico.

di Roberto Olivato

Oltre cento giornalisti della carta stampata e delle Tv giunti da ogni parte d’Italia, erano presenti questa mattina 6 novembre, al Museo della Città ai Bottini dell’Olio, per la conferenza stampa della presentazione della Mostra Modigliani. La Mostra che sarà inaugurata domattina 7 novembre alle 9,30, rimarrà aperta sino a domenica 16 febbraio. Presenti alla conferenza stampa il sindaco Luca Salvetti, l’assessore alla cultura Gianfranco Lenzi, il direttore artistico Marc Restellini ed il coordinatore Sergio Risaliti. A salutare i presenti il sindaco Salvetti: “ Quella di oggi per me rappresenta un’emozione così forte, che non ho mai provato in vita mia. Emozionato perché la mia città, la mia Livorno si trova ad ospitare il più grande evento culturale dal dopoguerra ad oggi. Livorno ha saputo dimostrare– ha proseguito Salvetti- che quando si vuole si riesce a realizzare grandi cose, come questa Mostra dimostra.”L’assessore Lenzi ha sottolineato “ Ci sono degli appuntamenti da non perdere e questo era uno di quelli e grazie alla macchina amministrativa, in soli due mesi é stato possibile realizzare questo evento di risonanza internazionale.” Il direttore Restellini, studioso di Modigliani, prima di rispondere alle domande della stampa ha spiegato il perché di questa Mostra “ Ho organizzato diverse mostre in diverse parti del mondo e ad alcune non ho aderito, ma quando mi é stato proposto di organizzarne una nella città natale di Modigliani, dove negli occhi delle sue figure é presente lo sguardo del bambino Modigliani, nato e formatosi qui a Livorno. La luce di quello sguardo che racchiudeva le emozioni e le sensazioni assorbite sin dai primi anni dell’infanzia, l’ha saputo portare in tutto il mondo e quindi, quale migliore occasione per me di poter vivere quell’atmosfera nella città in cui egli nacque?Da domattina quindi con l’inaugurazione ufficiale della Mostra nel centenario della scomparsa di Modigliani, allestita al primo piano del Museo, si apriranno i battenti sino al 16 febbraio 2020, dove potranno essere ammirati 14 dipinti e 12 disegni dell’artista, che raramente sono stati esposti al pubblico ed occasionalmente concessi da due collezionisti. Oltre alle opere di Modigliani potranno essere ammirati un altro centinaio di capolavori di altri artisti.