Salpati questa mattina gli allievi dell’Accademia Navale

Una Campagna d’istruzione diversa dalle precedenti quella che affronteranno i 106 cadetti dell’Accademia Navale. L’Ammiraglio Dragone: causa il Covid-19, vivrete un’esperienza diversa che vi forgerà nel carattere quali futuri ufficiali di Marina.

di Roberto Olivato

Erano centosei gli allievi di prima classe dell’Accademia Navale che questa mattina erano schierati al porto di Livorno a fianco della Nave Scuola Amerigo Vespucci, per rendere gli onori militari al  Capo di Stato Maggiore della Marina Militare Ammiraglio di squadra Giuseppe Cavo Dragone  accompagnato dall’ Ammiraglio di Squadra Enrico Credendino comandante delle scuole della Marina Militare. Dopo i saluti dell’Ammiraglio Dragone i cadetti si sono imbarcati per far rotta verso il mare aperto al comando del Capitano di vascello Gianfranco Bacchi. Nel suo saluto il Capo di Stato Maggiore ha sottolineato l’aspetto particolare di questa campagna Addestrativa “ La campagna di quest’anno si limiterà al puro addestramento di bordo. A causa del Covid-19 – ha proseguito Dragone- abbiamo dovuto stravolgere i programmi degli anni passati, dove erano previste visite alle città ospitanti, ma ci siamo riusciti. Nel rispetto delle norme fissate dai Dpcm garantiremo a bordo tutte le misure di sicurezza, senza nulla togliere a quella che è la sostanza della Campagna d’istruzione e che per tutti voi rappresenterà un fiore all’occhiello per quello che sarà il vostro impegno, finalizzato alla vostra formazione di futuri ufficiali di Marina. Un clima diverso da quello vissuto da chi vi ha preceduto negli anni– ha concluso il Capo di Stato Maggiore- ma che proprio per le ristrettezze in cui sarete costretti a vivere, riuscirà a forgiarvi meglio nel carattere di donne e uomini e di futuri comandanti.” La Campagna d’Istruzione a bordo di nave Vespucci rappresenta una pietra miliare della formazione degli allievi ufficiali. Nel solco di una secolare tradizione, ma con un sempre rinnovato impulso all’ innovazione. Gli allievi ufficiali saranno impegnati in numerose attività didattiche ed addestrative nell’ambito delle discipline marinaresche e della formazione etico-militare, al fine di sviluppare e nutrire i valori di fedeltà, disciplina e senso del dovere. Attraverso un percorso formativo basato sul lavoro di squadra, che caratterizza ogni marinaio nell’assolvimento dei compiti della forza armata al servizio della collettività, ogni allievo riceve il cosiddetto “battesimo del mare”. Il rientro in Patria é previsto a Taranto il prossimo 22 agosto.