Sciopero nella Sanità

Sanità, proclamato sciopero per venerdì 23 marzo
L’Azienda USL Toscana Nord Ovest garantisce i servizi sanitari minimi essenziali

È stato proclamato uno sciopero generale nazionale del personale del comparto del Sistema sanitario nazionale da parte di FSI USAE per venerdì 23 marzo per due ore all’inizio di ogni turno. L’Azienda si scusa anticipatamente con i propri utenti per eventuali disagi nell’erogazione dei servizi sanitari (esami, ambulatori ecc) e amministrativi (prenotazione esami, Libera Professione ecc) che si dovessero manifestare a livello sia territoriale che ospedaliero.
Come previsto dalla normativa vigente, saranno comunque garantiti tutti i servizi minimi essenziali previsti per il settore della Sanità e, per quanto riguarda le attività connesse all’assistenza diretta ai degenti, sarà data priorità alle emergenze e alla cura dei malati più gravi e non dimissibili. A tal proposito ricordiamo che i “servizi minimi essenziali” comprendono:
il Pronto Soccorso e servizi afferenti legati a problematiche non-differibili della salute dei cittadini ricoverati (turni dei reparti) e non. Di conseguenza anche il personale tecnico per la preparazione dei pasti e degli altri servizi di base;
servizi di assistenza domiciliare;
attività di prevenzione urgente (alimenti, bevande, etc..)
– vigilanza veterinaria
– attività di protezione civile
– attività connesse funzionalità centrali termoidrauliche e impianti tecnologici
– vari.