Sono tre i vincitori del Premio Modigliani

Promosso dal Comune di Livorno, con la direzione scientifica del Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato e il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, premiati i tre vincitori del Premio Modigliani 2019, riattivato dopo cinquantadue anni.

Il Premio Modigliani è stato riattivato oggi dopo circa 52 anni con gli obiettivi di: valorizzare la ricerca artistica contemporanea favorendo le nuove generazioni ; incrementare la Collezione d’arte della città di Livorno ; aprire le porte agli artisti europei e mediterranei seguendo l’evoluzione del concetto di Europa e la vocazione naturale della Città di Livorno che deve la sua storia di convivenza, accoglienza e sviluppo proprio alle interrelazioni tra Europa e Mediterraneo.

Sono Ludovica Carbotta (Torino, 1982) , Alex Cecchetti (Terni, 1977) e Adelita Husni-Bey (Milano, 1985) i tre vincitori del Premio Modigliani 2019 , promosso dal Comune di Livorno con la direzione scientifica Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci e realizzato grazie al sostegno del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo. Tre premi acquisto di 15.000€ ciascuno per Ludovica Carbotta, Monowe (The residence, the lodge, the shelter) (2019) e Alex Cecchetti, H. Coreografia per nudi che nascondono (2012) – entrambi nominati da Giulia Ferracci – e Adelita Husni-Bey, Story of the Heavens and Our Planet (2008–2009) nominata da Matteo Lucchetti

                                                                                     Ludovica Carbotta 

                                                                                          Alex Cecchetti  

                                                                                       Adelita Husni-Bey

Le opere verranno esposte in una mostra collettiva organizzata nell’occasione del centenario della morte di Amedeo Modigliani, all’interno di un programma di iniziative che, nel segno di questa personalità eccezionale ed unica nel quadro dell’arte moderna, aprano la città a percorsi che guardino al futuro ed all’incedere della modernità. Inoltre andranno ad arricchire il prestigioso nucleo della collezione d’arte della Città di Livorno.