Un calendario per manifestazioni pubbliche

Manifestazioni commerciali in aree pubbliche, nuove modalità per un calendario integrato annuale

L’obiettivo è elaborare un calendario annuale delle manifestazioni commerciali a carattere straordinario e degli eventi commerciali collaterali in modo da evitare un numero eccessivo di richieste e il sovrapporsi di iniziative, a tutto vantaggio della loro pubblicizzazione e promozione.
E ciò che si prefigge un provvedimento contenuto in un atto approvato recentemente dalla Giunta Comunale (delibera n.58 /2020) in cui si indicano alcune modalità provvisorie e sperimentali per lo svolgimento delle manifestazioni commerciali nel corso di quest’anno, a partire da aprile a dicembre 2020.
Le modalità riguardano il numero massimo di eventi su base annua; la durata massima degli stessi ed il numero massimo di eventi consentiti a ciascun organizzatore; le aree pubbliche utilizzabili e le scadenze temporali per la presentazione delle domande da parte dei soggetti interessati con la conseguente definizione di un calendario annuale.

Per quanto riguarda il limite numerico delle manifestazioni commerciali a carattere straordinario queste non dovranno essere superiori a 20, quelle riservate ai cosiddetti “svuota casa” non superiori a 3 mentre quelle riservate agli operatori dell’ingegno e hobbisti non superiori a 15. Saranno esclusi da limite numerico le manifestazioni organizzate direttamente dall’Amministrazione Comunale, dai CCN, dalle Pro-Loco e dai Comitati organizzatori delle gare remiere. Per il numero massimo di eventi consentiti e relativa durata, un soggetto non potrà richiedere più di 5 manifestazioni a carattere commerciale straordinario per una durata massima di 2 giorni ciascuna nel corso dell’anno ; gli operatori dell’ingegno e gli hobbisti non più di 3 per la durata massima di 2 giorni ciascuna e 3 anche per i cosiddetti “svuota casa”.

Per le aree pubbliche utilizzabili saranno valutate in via prioritaria le proposte riguardanti piazza XX Settembre, piazza della Repubblica, piazza Garibaldi, Rotonda di Ardenza, piazza San Marco, piazza Dante, piazza Saragat e piazza Fratelli Bandiera. Piazza Cavour viene invece esclusa dall’utilizzo per manifestazioni commerciali o di operatori dell’ingegno ad eccezione di eventi di promozione turistica, culturale e sportiva di rilevanza e di interesse per la città.

Riguardo le scadenze per la presentazione delle domande relative alle iniziative commerciali a carattere straordinario, gli interessati devono inoltrare richiesta dal 15 al 24 febbraio 2020. Le proposte dovranno essere inviate all’Amministrazione comunale via PEC ( comune.livorno@postacert.toscana.it).
Per gli operatori dell’ingegno, hobbisti e “svuota casa” sarà pubblicato apposito avviso e modulo di domanda nell’area tematica Polizia Amministrativa entro la prossima settimana.

Info: sito Comune di Livorno, sezione Bandi, Gare e Concorsi, pagine Avvisi.