Un esempio per tutti noi soprattutto per i giovani

Pubblichiamo un altro articolo in memoria di Amedeo Nannipieri, a differenza di altri quotidiani che non gli hanno nemmeno dedicato una riga, per farlo conoscere anche a chi di lui non ne sapeva nulla. Per noi é importante ricordare persone come Amedeo, che altrimenti finirebbero nel dimenticatoio solo perché non era un cantante, un calciatore o un politico. Amedeo era uno come tutti noi, ma con grande cuore e tanta modestia. Questi sono uomini da portare ad esempio ai nostri giovani, solitamente attratti dal mondo surreale ed ovattato di cinema, televisione e calcio.                                                                                                                                          r.o.

Era innanzitutto un uomo buono, estremamente generoso e profondamente religioso avendo fatto della Carità e della Misericordia verso il prossimo la sua missione terrena. Impegnato nel volontariato, era stato tra i soci fondatori del Nucleo di volontariato e protezione civile dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Livorno.Dopo quella esperienza decennale aveva portato a Livorno nell’anno 2011 il Corpo di Soccorso dell’Ordine di Malta, Ordine a cui era legato da antica tradizione familiare e che nel 1989 lo aveva premiato per le sue attività

benefiche con la croce pro Ordine Melitensi, nel frattempo le sue attività erano notate e gli veniva conferita l’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Amedeo si prodigava in mille modi a favore degli ultimi portando aiuto e speranza anche per la strada, sua creazione, in collaborazione con i confratelli dell’Ordine di Malta e del CISOM, la cosiddetta ronda dei “barboni” con la quale venivano consegnati generi alimentari e vestiario ai senzatetto della città. Divenuto Donato di Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta otteneva successivamente la carica di referente dell’Ordine per la città di Livorno. Amedeo Nannipieri era inoltre responsabile e Cavaliere di Merito di un altro importante e antichissimo Ordine cavalleresco, l’Ordine Costantiniano di San Giorgio e anche in tale veste si era messo in evidenza per le numerose opere di bene messe in campo. Era inoltre Accademico dell’Accademia di Marina dei Cavalieri di Santo Stefano. Lascia un vuoto enorme nel mondo della Cavalleria e del Volontariato, numerosi amici e confratelli ne piangono la scomparsa, ma sicuramente continueranno la sua opera nel solco di un’ amicizia e comunanza di intenti che non sono stati spezzati nemmeno dalla sua dipartita

                                                                                                                                        Roberto Barbieri