Usb in protesta davanti al Comune per l’Avr

Usb al fianco delle proteste dei lavoratori Avr: “Per sostenere la nostra battaglia per scongiurare questo licenziamento illegittimo”.

Il sindacato appoggia la contestazione dei dipendenti della ditta che ha in appalto i servizi di pulizia della città: “Questa azienda, la società di igiene ambientalista in appalto al Comune di Livorno AVR Spa, attualmente in amministrazione giudiziaria, sequestrata, a causa di “rapporti di stabile ed oggettiva agevolazione con imprenditori appartenenti o collegati alle cosche della “Ndrangheta”, ha inviato una pesantissima segnalazione disciplinare al nostro sindacalista. Le sue colpe evidentemente, al di là delle accuse totalmente infondate e strumentali, sono quelle di aver denunciato in prima persona,ormai da mesi, le inadempienze della società in merito ai pagamenti di alcune spettanze dovute e la totale assenza di sicurezza.

Una presa di posizione netta e decisa, così come denunciato da Usb. Infatti Avr si sarebbe dimostrata, in diverse occasioni, inadempiente nei confronti dei propri impiegati tra ritardi nel pagamento dello stipendio, problemi legati ai contributi pensionistici e mancate sanificazioni dei mezzi durante il Coronavirus. Ma questo, a parte, il sindacato chiede a gran voce “di scongiurare questo licenziamento illegittimo”. Le proteste da parte dei lavoratori che, comunque, vanno avanti, oggi, martedì 29 settembre dalle 12 di fronte al Comune insieme a Usb, manifestano il proprio dissenso per la situazione che stanno vivendo.

Fonte: USB Livorno

Video intervista di L&V