Gazebo della Lega per una Livorno Sicura

Lega in piazza per dar voce ai cittadini, con un primo questionario sulla sicurezza. Potenti e Vaccaro: cittadini tornino ad essere protagonisti

di Roberto Olivato

“Livorno Sicura” questo lo slogan che tappezzava il Gazebo che la Lega ha allestito questa mattina 27 giugno, in zona mercato. A presentare l’iniziativa il deputato leghista Manfredi Potenti commissario provinciale della Lega, Gianmarco Mancini commissario di sezione, Costanza Vaccaro capogruppo Lega in consiglio comunale e Gianluca Di Liberti consigliere comunale. Scopo della manifestazione è stata la raccolta di firme per sollecitare l’Amministrazione ad un maggior controllo del territorio cittadino. Onorevole Potenti i livornesi stanno rispondendo a questa vostra raccolta di firme? “ Tengo a precisare che non si tratta di una raccolta di firme, i cittadini si apprestano a compilare un questionario in cui segnalano le criticità presenti nei loro quartieri, ma non solo, perché alla segnalazione seguono i loro suggerimenti. Come Lega puntiamo ad una reale partecipazione dei cittadini, che devono tornare ad essere parte attiva delle città, perché ne sono gli unici protagonisti.” Sull’utilizzo dei questionari ne parla la Vaccaro “ Questa iniziativa é unica nel suo genere, perché finalmente offriamo ai cittadini, la possibilità di partecipare alla gestione della sicurezza cittadina, con proposte che nascono dalle personali esperienze di vita di quartiere, vissuta sulla propria pelle e non per sentito dire.” Che fine faranno questi questionari? “ Una cosa è certa, non diventeranno carta straccia! I questionari materializzano trasversalmente lo stato d’animo di buona parte dei livornesi, che in molti quartieri sono abbandonati a se stessi, rimanendo in balia di gruppi di teppisti, spacciatori ed ubriachi. Pertanto porteremo in Consiglio comunale tutti i questionari e vedremo se a fronte dei suggerimenti di tanti cittadini, il sindaco continuerà a fare orecchie da mercante. Una cosa è certa– conclude la Vaccaro- a questo primo “sondaggio” sulla sicurezza, seguiranno quelli sul lavoro, sulla salute, sulla scuola, sull’ambiente e tutti sempre corroborati dai consigli degli abitanti perché, come Lega, pensiamo sia giunto il momento di dare voce a chi realmente merita di averla e cioè alla cittadinanza.”