Romiti: per Covid-19 in ritardo le linee guida per i lavoratori portuali

Comunicato Stampa

In periodo di grave emergenza sanitaria da Covid-19, i lavoratori del porto stanno garantendo il traffico merci per la nostra Nazione, Andrea Romiti afferma “Ai lavoratori portuali va tutta la stima e l’apprezzamento per l’impegno che quotidianamente stanno dimostrando, nonostante il rischio a cui sono sottoposti. Purtroppo, è con grave ritardo, solamente ieri 16 marzo, che le Autorità locali competenti in materia dei porti, hanno trasmesso agli addetti ai lavori, le linee guida che individuano tutte le azioni che occorrono per mantenere efficiente l’attività portuale, cercando di eliminare i rischi da contaminazione.”
Al Sindaco quale responsabile per i porti all’interno dell’ANCI Toscana e agli Organi preposti Romiti lancia un appello “Non c’è altro tempo da perdere, occorre accertare che le Aziende che operano in porto, si attivino a regolamentare i turni come disposto, le prescrizioni previste e le dotazioni dei mezzi anti-contagio del personale in particolar modo dei lavoratori che prestano il proprio servizio in più Terminal. Considerato che l’emergenza perdurerà, si assisterà già dal mese prossimo dal punto di vista economico nazionale, ad un crollo degli introiti dell’intero indotto portuale ed alla luce dei mancati interventi del Sindaco– ha concluso Romiti- del tutto assenti in questi mesi di mandato, il nostro porto livornese corre il rischio di avere un danno maggiore rispetto agli altri, spero che queste critiche siano di stimolo all’attività del Sindaco, perché il porto di Livorno deve tornare ad essere competitivo sulla scena internazionale”

Con l’occasione i migliori saluti.

Capogruppo di FDI- Comune di Livorno
Andrea Romiti