Si é aperto il 33esimo Meeting di Rete

Il mondo portuale livornese e internazionale riunito per fare sistema tra città e porto e porti euromediterranei. Gli interventi del Sindaco Luca Salvetti e dell’assessora Barbara Bonciani

E’ in corso presso la sala convegni dei Bagni Pancaldi a Livorno, il 33° Meeting di Rete, associazione internazionale per la collaborazione fra città e porto di cui l’Amministrazione Comunale è socio collaboratore. Il Meeting è articolato in tre giornate di cui la prima dedicata alle riunioni del Comitato Scientifico, Nodi Avanzati, Giunta di Governo, Assemblea dei soci e presentazione della rivista internazionale Portus, che ha dedicato un’ampia sezione dell’ultimo numero in uscita alla città di Livorno ed al suo porto.

La seconda giornata è dedicata al Seminario Internazionale che quest’anno è centrato sulle problematiche ambientali.

Il terzo giorno sarà dedicato alla visita tecnica della città-porto di Livorno dei soci Rete in modo che possano approfondire il rapporto di Livorno con l’acqua e il mare nei secoli passati e nella contemporaneità.

“Il Meeting di Rete che per la prima volta dalla sua fondazione, avvenuta 20 anni fa, si tiene a Livorno, proietta la nostra città in una cornice di respiro internazionale– ha affermato il sindaco Luca Salvetti durante il saluto istituzionale- “E’ una grande occasione per Livorno avere qui operatori e istituzioni portuali europee e dell’America Latina, i quali hanno l’opportunità di conoscere e approfondire le due realtà del porto e della città. Dall’inizio del mandato– ha proseguito Salvetti-  l’attuale Amministrazione ha pensato il porto come passaggio fondamentale per la rinascita della città di Livorno e nei 15 mesi di governo il ruolo del Comune è stato di facilitatore, ottenendo anche risultati incoraggianti, come l’aver fatto sedere attorno ad un tavolo gli operatori portuali e gli armatori. E’ con orgoglio che ho presenziato alla presentazione della rivista Portus, che ha una sezione interamente dedicata alla nostra città e con soddisfazione ho accolto il successo delle prime due giornate del meeting, grazie all’impeccabile organizzazione dell’assessora alla portualità e integrazione-porto città, Barbara Bonciani.

E’ grande la voglia di Livorno– ha concluso il sindaco- di tornare a essere nuovamente protagonista della portualità e dell’economia internazionale essendo nata alla fine del ‘600 con questi connotati specifici. E per questo motivo dobbiamo porci l’obiettivo di una Livorno nuova e competitiva”.

L’assessora al porto e integrazione città-porto Barbara Bonciani, dopo aver ringraziato le istituzioni di Rete e tutte quelle presenti in sala e collegate on-line, gli operatori e armatori portuali, ha presentato la rivista Portus che ha dedicato il Portrait a Livorno ed ha parlato di Livorno in virtù del ruolo di centro operativo nazionale delle relazioni città-porto.

“Il Comune di Livorno e in particolare l’Assessorato al porto ha dato avvio ai tavoli operativi tematici che coinvolgono la comunità portuale e la città- Ha aggiunto l’assessora Bonciani – i tavoli che sono strumento operativo del nodo Avanzato, mettono a sistema gli operatori portuali e gli stakeholder della catena logistica integrata dei porti su tematiche economiche, ambientali, culturali e di innovazione tecnologica, di interesse per il porto e la città. Uno dei primi risultati è stata la sottoscrizione del “Livorno Blue Agreement” con lo scopo di mitigare gli aspetti dell’inquinamento ambientale derivante dal traffico marittimo. L’obiettivo di questo meeting– ha concluso la Bonciani- è la consapevolezza che è necessario fare sistema tra città e porto e porti euromediterranei e Livorno è una protagonista importante. Basti pensare che il percorso che è stato intrapreso a Livorno di aver messo a sistema la portualità, è diventato un caso studio per molte città-porto”.

Durante la mattina della seconda giornata si sono seduti al tavolo dei relatori le massime istituzioni portuali e politiche della città e di Rete. Oltre al sindaco Salvetti e all’assessora Bonciani, sono intervenuti per i saluti istituzionali il presidente dimissionario di Rete Rinio Bruttomesso e la nuova presidente in collegamento da Cadiz Teofila Martinez, Stefano Corsini presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale, l’Ammiraglio Giuseppe Tarzia Comandante della Capitaneria di Porto e della Direzione Marittima della Toscana.

Si è entrati poi nel vivo del seminario con l’intervento del professor Paolo Dario direttore scientifico di Artes.4, che ha illustrato con una serie di slides, l’importanza dell’innovazione per il porto e per la città, grazie alle competenze ed ai progetti prodotti dalle università, immaginando un futuro nuovo in cui è necessario resettare e ripartire al fine di assumere un ruolo da protagonisti in Europa. Ha terminato il suo intervento dicendo che un porto smart e una città vibrante e ricca di stimoli sono parte integrante del futuro.

Sono seguiti gli interventi di Riccardo Lari di Azimut Benetti, di Olimpia Ferrara, coordinatrice del Dipartimento di Economia Marittima e del Mediterraneo, di Dario Bocchetti della Grimaldi Lines, Giovanni Giustiniano del Gruppo Armatori Onorato, Giovanni Giorgi di Olt e Leonardo Massa di Clia-Msc cruises.

“La presenza dell’armamento e di Olt al convegno è stata molto importante perché ha permesso di comprendere , sia le strategie avviate di gruppi armatoriali come adeguamento alla normativa Marpol, la sfida del GNL come fonte alternativa, sia le criticità che il sistema paese e i porti devono affrontare per facilitare la transizione green” ha dichiarato l’assessora Bonciani.

Il convegno si concluderà sabato 17 ottobre con la visita al porto ed alla città