La mascherina non impedisce il sorriso

Il miglior antidoto contro l’ansia da coronavirus é una sana risata. Da oggi pubblicheremo una nuova rubrica di raccolta di barzellette per sollevare il morale di chi si sente amareggiato, preoccupato, nervoso, depresso e quant’altro. La prima che riportiamo non é una barzelletta, ma un fatto realmente accaduto l’altro ieri a Firenze e che é più di una barzelletta.
Chiunque volesse collaborare a portare il sorriso nelle case, può inviare barzellette o brevi racconti spiritosi a: direzione@ilruspante.news

“E’ uscito di casa con tanto di regolare autocertificazione firmata come previsto dal decreto sull’emergenza coronavirus nella quale, però, spiegava di essere in giro per acquistare droga, evidentemente un motivo non contemplato tra le deroghe del Dpcm. Così un 33enne a Firenze credeva di essere a posto, ma la polizia lo ha comunque denunciato per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità. L’uomo è stato fermato mercoledì scorso nel capoluogo toscano in via Centostelle, nella zona residenziale vicina allo stadio Franchi, nell’ambito dei servizi previsti per verificare il rispetto del decreto governativo varato per fronteggiare l’epidemia. Si trovava in auto, ferma in doppia fila. Quando gli agenti della squadra volante gli hanno chiesto cosa stesse facendo, ha esibito l’autocertificazione nella quale dichiarava di trovarsi in via Centostelle perché sa che lì si trovano sempre spacciatori che possono vendergli droga. Nei suoi confronti è scattata la denuncia prevista dal Dpc.”