Alla denuncia del Nursind risponde l’Iss

Dopo le lamentele del Nursind ( Sindacato delle Professioni Infermieristiche ) circa la scarsezza e l’insufficienza protettiva delle mascherine in dotazione agli operatori sanitari del 118 e pronto soccorso, l’ISS (Istituto superiore sanità) ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“Ci spiace constatare che il sindacato Nursind, in un momento di estrema difficoltà come quello che sta vivendo tutta la popolazione e, in particolare il servizio sanitario, cerchi di avere visibilità diffondendo notizie allarmanti e non veritiere. La risposta è semplice e si trova all’interno dell’ultimo aggiornamento dell’Istituto Superiore di Sanità che verrà recepito anche dal protocollo aziendale. La razionalizzazione dell’utilizzo delle mascherine prevede, da sempre, che le FFP3 siano utilizzate nei reparti di terapia intensiva e, in mancanza delle FFP3, le FFP2. Nei pronto soccorso, come sui mezzi di soccorso sono previste le FFP2 solo nei casi in cui si facciano manovre che creano aerosol. Per i 118 la dotazione delle FFP3 non è mai stata prevista, o meglio, inizialmente non veniva messa in evidenza la differenziazione sull’utilizzo di FFP3 o FFP2 che invece adesso è stata meglio specificata dall’Istituto Superiore di Sanità. Infine, si sottolinea che le FFP2 sono sempre state e continuano ad esserlo, in dotazione nei pronto soccorso e nei 118 per tutte le procedure previste, mentre le FFP3 non sono nella procedura. Per concludere, come il sindacato certamente saprà, ogni giorno dalla CROSS di Pistoia vengono forniti DPI sufficienti a far fronte all’emergenza in corso.” (dg)