Le api a salvaguardia del pianeta

Collesalvetti al centro di un importante rilancio dell’apicoltura: salvare le api significa salvare il pianeta. Le api sono fondamentali e senza di loro rischiamo la sopravvivenza del pianeta.

di Laura Petreccia

Incontriamo sul territorio Christian Carrai e Debora Petroni esperti apicoltori dell’apificio ‘ Le Regine di Parrana’, a Collesalvetti, che a piccoli passi stanno ampliando la produzione di miele con laboratori per i derivati, dal miele come il propoli, la pappa reale, il polline.

Ultimamente hanno integrato con le caramelle, tisane, miele al peperoncino e miele al tartufo. che ci raccontano del loro lavoro
Perché l’ape è così importante per il nostro pianeta?  ” Non tutti si rendono conto- ci spiega Christian Carrai- che il compito delle api è  più importante di quanto si supponga: senza questi insetti, infatti, la vita non esisterebbe”.

Quale è il compito dell’uomo rispetto a quello delle api? ” Fare vivere le api è uno dei compiti più importanti a cui è chiamata l’umanità– risponde Carrai- comprendere l’importanza degli insetti impollinatori ci aiuterà ad agire nel riuscire a salvaguardare la loro presenza sulla Terra”. Sul ruolo delle api ce ne parla Debora Petroni: “Le api, come tutti gli altri insetti impollinatori, hanno un ruolo nella conservazione della natura e nel mantenimento della biodiversità. L’impollinazione delle piante- precisa Debora- fa si che il polline di quest’ultime “viaggi” di fiore in fiore dando poi il via alla nascita del frutto, ovvero il risultato della fecondazione della pianta. Questi frutti, sono gli alimenti che portiamo quotidianamente in tavola. Se scomparissero le api, a mancare non sarebbe solo il miele, dovremmo dire addio al pomodoro, alla zucca, alle zucchine a una grande varietà di frutta e verdura. Il lavoro delle api, infatti, influenza oltre il 75% delle colture alimentari del mondo: con le api è in pericolo anche la nostra sicurezza alimentare”.

Perché le api stanno scomparendo? “Le api sono le sentinelle della biodiversità e cartina tornasole delle attività dell’uomo sulla natura – spiega Debora – La moria delle api sul globo, se da una parte dipende dai cambiamenti climatici, che portano eventi estremi di caldo torrido o freddo inusuale, in altri casi altro non è che la diretta conseguenza delle azioni umane sull’ambiente, come l’uso di pesticidi chimici nei campi, coltivazioni intensive delle monocolture, inquinamento atmosferico.
In alcune zone del mondo – chiosa Petroni – il numero delle api si è ridotto dal 30 al 90%: un numero impressionante che purtroppo deve farci temere il peggio”.

Collesalvetti ha una forte vocazione apistica, sostenuta anche dal progetto di Lega per Salvini, approvato dall’Amministrazione Comunale di Collesalvetti, cosa ci racconta in merito, Christian ?
“Collesalvetti diventa ‘Comune amico delle api’ grazie al progetto approvato e ad una campagna del Dipartimento dell’Agricoltura della Lega Salvini che “riconosce alle api e all’apicoltura il valore di bene comune globale grazie al ruolo fondamentale che esse svolgono come elemento di sviluppo indispensabile per la tutela della biodiversità e della sicurezza alimentare e sostiene lo sviluppo delle attività apistiche come opportunità di reddito, ne promuove la cultura, pianifica il verde pubblico promuovendo la coltivazione di specie vegetali gradite alle api”.

Info: ‘Le Regine di Parrana’, via San Martino 117
Cell. 3281581779