A Santa Lucia scende in campo il “Basket 3 x 3”

Da un’idea di monsignor Paolo Razzauti il basket entra nella parrocchia di Santa Lucia.

di Roberto Olivato

Presentata questa mattina in Comune la manifestazione Streetball 2021 alla presenza del sindaco Luca Salvetti, di monsignor Paolo Razzauti, Massimo Volpi e Maurizio Paolini.

Patrocinata del Comune si svolgerà dal 22 al 25 luglio, nel campo della parrocchia Santa Lucia in Banditella, Streetball Livorno 2021, manifestazione di “Basket 3 contro 3”. Nato come variante del basket classico, dal 2007 la FIBA ( Federazione Internazionale Basketball ) organizza campionati Mondiali, Europei ed il World Tour e da quest’anno le Olimpiadi di Tokio l’hanno inserita come disicplina olimpica ufficiale.

” Questo evento sportivo aggiunge allo spirito agonistico che lo caratterizza, l’atmosfera dell’ambiente dove si svolgeranno gli incontri, rappresentato dall’area della parrocchia di Santa Lucia. Questa particolare disciplina del Basket- ha proseguito Salvetti- pone Livorno ad intraprendere un percorso che auspichiamo possa riscontare un grande successo, ponendolo all’attenzione anche in ambito extra città. Come Amministrazione siamo soddisfatti per questa manifestazione– ha concluso il sindaco- che si pone all’attenzione soprattutto dei ragazzi, offrendo loro stimoli e punti di riferimento, contribuendo a fornire sane e positive risposte all’apatia ed allo sballo a cui molti giovani sono dediti. “

” Credo molto in questa manifestazione– ha esordito Razzauti – che offre nuovi spazi ai giovani e con me ci crede convintamente anche don Willy Bianco parroco di Santa Lucia, che ha condiviso entusiaticamente l’idea. La zona di Banditella, come altre realtà cittadine sono caratterizzate da situazioni di degrado portate da gruppi di giovani, il cui unico passatempo è fare schiamazzi e darsi al bere. Molte volte mi sono confrontato, cercando di far capire loro come con quei comportamenti distruggevano la loro vita. Sono sempre stato aperto al dialogo– ha proseguito il monsignore-  perchè ritengo che il confronto sia l’unica strada per educarli e responsabilizzarli. Mi auguro che questa manifestazione di giovani per giovani possa aiutare molti a riprendere cosienza, magari partendo dal basket che come tutti gli sport è sinonimo di salute, di rispetto dell’altro e di disciplina sociale e morale.”

Ad entrare nei dettagli della manifestazione il presidente dello StreetBall Livorno, Massimo Volpi e di Maurizio Paolini collaboratore della società, che ha provveduto all’allesdtimento del campo da gioco che resterà a disposizione della parrocchia, anche alla fine del toprneo di basket 3×3. ” Le precedenti tre manifestazioni si sono sempre svolte alla Rotonda di Ardenza, che permetteva più movimento ed anche una maggiore partecipazione di pubblico– ha detto Volpi- purtroppo quest’anno a causa del Covid ci siamo visti cotretti a limitare l’afflusso del pubblico e pertanto la scelta è ricaduta sull’area circosritta della parrocchia Santa Lucia, che permette un maggior controllo degli spettatori per i quali è prevista una presenta di circa un’ottantina. Quante squadre parteciperanno a questo torneo? ” E’ prevista la presenza di quarantotto squadre, tra cui 5 femminili, alla manifestazione parteciperanno squadre provenienti da varie parti d’Italia, come Firenze, Roma, Milano, La Spezia, Viareggio. Come vi siete attrezzati per il rispetto delle normative Covid? ” Gli atleti partecipanti saranno tutti provvisti della carta verde e come previsto dalla Fip ( federazione Italiana Pallacanestro ) è prevista la partecipazione anche a chi ha ricevuto la prima dose di vaccino.

Ringraziamo l’associazione Famiglia Coraggio per il contributo offerto nella somministrazione di bevande e spuntini per gli atleti, a questa associazione sarà devoluto il ricavato della manifestazione sponsorizzato da Caffè Toscano e Agrodolce.                – sottolinea Maurizio Paolini-