Alle Bartolena ricordata Frida Misul

Gli studenti delle Scuole Medie Bartolena ricordano la livornese Frida Misul sopravvissuta ad Auschwitz. Le parole del preside Ersilio Castorina

di Monica Cuzzocrea

Oltre cento studenti delle classi terze della Scuola Media G. Bartolena hanno incontrato Roberto Rugiadi figlio di Frida Misul, la nostra concittadina sopravvissuta ad Auschwitz.

Nonostante il Covid che purtroppo ha rimodulato le celebrazioni della Giornata della Memoria a livello cittadino e scolastico, gli studenti si sono organizzati con i loro professori per poter ugualmente approfondire il tema della Shoah incontrando i testimoni. Ecco che con la modalità online Roberto Rugiadi da una classe si è collegato con gli altri studenti delle classi Terze del plesso Bois ed ha presentato il
tema delle Leggi Razziali e la storia della sua mamma, Frida Misul che tradita dalla sua maestra di canto, ha subito la deportazione al campo di concentramento di Fossoli per essere poi trasportata ad Auschwitz dove fortunatamente è scampata alla morte grazie alla sua bellissima voce e alla voglia di vivere che le ha permesso dopo innumerevoli e atroci sofferenze, di fare ritorno alla sua amata Livorno.

Gli studenti per oltre due ore hanno ascoltato attoniti questa testimonianza dopo un percorso di preparazione iniziato a settembre e che terminerà a Maggio con altri incontri di approfondimento che l’Istituto Bartolena ha messo in programma.

Il Preside, Dottor Ersilio Castorina, presente all’incontro ha ribadito  “Fare memoria del passato per decidere di essere oggi ” ed ha invitato i giovani ad una presa di coscienza ragionevole e ragionata, verso quanto di più abominevole è stato possibile realizzare da parte di esseri umani e non solo dai vertici, ma anche dalla gran massa di “gente comune” che li ha seguiti ed appoggiati più o meno consapevolmente. Leggendo infatti l’inizio del Diario di Frida Misul questa espressione invita a riflettere: “ Colei che ha sofferto, comprende molte cose che non possono essere comprese da colui la cui vita trascorse senza l’ombra del dolore”. Roberto Rugiadi incontrerà nuovamente gli studenti di Bartolena martedì 26 Gennaio presso la sede di via Michel.