Il Comune potenzia il proprio sito

Il sito del Comune di Livorno sempre più accessibile. Un nuovo pulsante in homepage consente di adattare il sito alle varie disabilità o impedimenti

Il sito del Comune di Livorno è sempre più accessibile per tutti.

Sulla homepage del sito istituzionale del Comune di Livorno, in fondo a sinistra, è apparso un “omino” bianco su campo blu.

E’ un nuovo pulsante che consente di adattare il sito alle varie disabilità o impedimenti

E’ il nuovo tool, o strumento, di accessibilità, che permette al sito web di essere accessibile da un punto di vista pratico, oltre che normativo. E’ stato adottato previa valutazione positiva del Garante per la Disabilità del Comune.

Infatti, il nuovo tool permette all’utente finale di modificare diversi aspetti del sito, controllandoli in maniera autonoma, e quindi adattando il sito a quelle che sono le sue disabilità o impedimenti.

Il tool è multilingua ed è suddiviso per profili di accessibilità: epilessia, ipovedente, ADHD, disabilità cognitiva, non vedente.

Cliccandovi sopra è possibile regolare il contenuto, il colore e lo schermo per utilizzare al meglio la rete civica del comune.

L’utilizzo del tool non impedisce all’Ente il costante adeguamento del codice del sito alle specifiche WCAG 2.1, per rendersi sempre più conforme alle linee guida sull’accessibilità di Agid, ma è uno strumento che aggiunge delle possibilità in più, per andare incontro alle esigenze dell’utente.

In questa maniera l’utente diventa parte attiva del processo di miglioramento dell’accessibilità del sito istituzionale.

Il tool è utilizzato da varie altre P.A. e privati.

“Il nuovo tool – commenta l’assessora all’Innovazione Digitale Barbara Bonciani – fa parte di un pacchetto di iniziative che l’amministrazione comunale sta realizzando nell’ambito dell’innovazione digitale inclusiva, con un’ attenzione particolare ai cittadini e alle loro necessità . Ciò è reso possibile grazie al lavoro del settore Sistemi informativi del Comune che sta realizzando un ottimo lavoro sul fronte dell’ innovazione digitale”.