Lotta alle bici abbandonate intensificata la rimozione

Lotta alle biciclette abbandonate pronto un piano di rimozione. L’invito dell’Amministrazione ad una maggior collaborazione dei cittadini per uscire dal degrado. Oltre 400 mezzi a due ruote rimossi nel 2018.

di Roberto Olivato

Lotta al degrado, questa in sintesi la conferenza stampa convocata questa mattina 28 ottobre, dall’assessora all’ambiente, mobilità e rifiuti Giovanna Cepparello, assieme all’ispettrice della polizia municipale Michela Pedini ed Andrea Salenti dell’Aamps. Dalla riunione è emerso il disagio creato alla cittadinanza per numerose biciclette abbandonate con conseguente intralcio alla pedonalità di marciapiedi con conseguente rischio per le persone. “ Come Amministrazione– ha sottolineato Cepparello- abbiamo deciso d’ intervenire per porre fine a questo imperdonabile vizio di abbandonare bici e motorini dove capita. Pertanto in accordo con la Polizia Municipale e l’Aamps– ha proseguito l’assessora- é stato messo in atto un piano per lo sgombero di tutte quelle biciclette abbandonate, che oltretutto non danno una bella immagine della città. Per venire incontro alla cittadinanza, a cui chiediamo la collaborazione nel segnalare aree idonee, é prevista a breve l’istallazione di circa una sessantina di nuove rastrelliere” Il piano prevede il ritiro delle bici “cannibalizzate” : senza sellino, ruote, manubrio ed altre parti, con conseguente consegna all’Aamps che provvederà allo smaltimento, assegnando il materiale ferroso a ditte appaltatrici. L’invito che é stato rivolto ai cittadini é quello di segnalare la presenza di mezzi a due ruote abbandonati, ai servizi ricettivi addetti. I numeri forniti parlano di 450 biciclette ritirate di cui 268 dalla Polizia Municipale e 182 dall’Aamps, queste nell’anno 2018. “Da inizio anno, quindi in questi dieci mesi– ha precisato Salenti- Aamps ha raccolto 4 tonnellate di materiale ferroso, con una media di circa 400 Kg. Mensili, sopportando un costo raccolta di circa 2000 Euro, in parte recuperati con la vendita del materiale.” L’Ispettrice Pedini ha voluto ricordare ” biciclette legate a pali o lampioni in prossimità di marciapiedi, saranno rimosse ed i proprietari per provvedere al ritiro dovranno pagare 10 Euro per la custodia oltre che una contravvenzione.” Da parte delle istituzioni sarà incentivato il ritiro di bici e motorini abbandonati e chiedendo la collaborazione ai cittadini comunicano gli indirizzi ai quali segnalare ogni situazione di criticità:

800031266 da rete fissa
0586-416350 da rete mobile
info@aamps.livorno.it
poliziamunicipale@comunedilivorno.it