Perini (Lega): Sui disabili solo belle parole dal PD

Perini (Lega): “garantire ai disabili l’accesso ai mezzi pubblici, dal PD solo prese in giro”

“Il PD si spaccia per il “Partito dei Diritti”, in realtà, l’unico diritto che conoscono è quello di prendere in giro il cittadino. Salvetti, Cepparello, Raspanti e tutta la “ditta” PD si riempiono la bocca di parole come inclusività e diritti dei disabili; ma quando si tratta di passare dalle parole ai fatti, le loro belle intenzioni si trasformano in un nulla di fatto. Mesi or sono, alcune persone con disabilità mi segnalarono le loro difficoltà a trovare autobus dotati di pedana per la carrozzina funzionante.

Subito dopo queste segnalazioni, in data 4 marzo, presentai un’interpellanza nella competente Commissione consiliare per affrontare il problema. Nella mia interpellanza chiedevo anche che fosse data la parola al Garante delle persone con disabilità, Valerio Vergili.

Dal 4 marzo ad oggi (sono passati 7 mesi!) l’interpellanza non è ancora stata discussa, perché il presidente della Commissione Piero Tomei (PD) non l’ha ancora posta in discussione. Quel che è peggio, è che la Commissione – in questi mesi – si è pur riunita! Evitando accuratamente, però, di trattare questo mio atto.

Personalmente ritengo che il grado di evoluzione di una società si misuri anche dalla sua capacità di garantire libertà e autonomia di movimento alle persone con limitazioni fisiche. Anche queste persone, infatti, hanno il sacrosanto diritto di vivere pienamente la loro vita.

A tal propisito, vorrei ricordare quanto è enunciato nella nostra Costituzione (articolo 3): tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge. Inoltre, è compito di tutti gli organi della Repubblica (compresi i Comuni) rimuovere gli ostacoli che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana.

In tutti questi mesi ho ripetutamente sollecitato il presidente Tomei a portare in discussione questo atto. Vista la scandalosa latitanza da parte del PD, chiedo urgentemente la convocazione della Commissione e invitando ad essere sentiti il Garante per le persone con disabilità, i responsabili di Autolinee Toscane e gli assessori alla Mobilità e al Sociale.”

Alessandro Perini