Romiti: Salvetti è il sindaco di tutta la città o solo degli ultras del Livorno?

Comuncato Stampa- Fratelli d’Italia

Il 28 luglio si chiudono le iscrizioni alla serie D e la società A.S. Livorno non ha ancora a disposizione lo stadio Armando Picchi e questo comporta il rischio concreto di non potersi iscrivere al campionato . Andrea Romiti Capogruppo e Coordinatore Comunale di Fratelli d’Italia commentacosì questa notizia :

“ Salvetti sempre più lontano dal ruolo di Primo Cittadino e da essere il Sindaco di tutti i livornesi, sembra ormai ostaggio degli ultras della curva e sta per negare definitivamente lo Stadio al Livorno calcio , nonostante la società abbia saldato tutti i debiti con giocatori, dipendenti e comune. Il Livorno calcio esiste dal 1915 e dopo 106 anni arriva Salvetti e cancella la storia della squadra di questa città , forse neppure è convinto di farlo veramente , ma in lui è maggiore la paura del confronto con i 4 scalmanati della curva , che il coraggio di fare la scelta nell ’ interesse di tutta la città ”

“ In queste poche ore che mancano alla chiusura dell ’iscrizione della squadra alla serie D , il Sindaco può ancora fare un gesto autorevole e dimostr are che le istituzioni sono di tutti i citta dini e non si piegano a personaggi che usano lingua ggi violenti . ” 

Conclude Romiti : “ I cittadini non solo vogliono che il Livorno calcio giochi , come ormai da 106 anni , all’ Armando Picchi, ma pretendono di vivere in un a città libera, democratica, dove i violenti non siano mai interlocutori riconosciuti dalle Istituzioni. Salvetti scelga se essere il Sindaco della città di Livorno oppure un ultras della curva ”.

Andrea Romiti